Eco Food

Non so se mi conoscete abbastanza da averlo notato, ma la mia cucina non è facile da inquadrare in una tipologia ben precisa. Piuttosto rispecchia molto me, i miei umori, i miei viaggi (reali e di fantasia), le mie ispirazioni del momento. Per cui potete trovare un giorno una ricetta facile e veloce, un altro giorno una ricetta elaborata e più complessa, un giorno una ricetta etnica, un altro giorno una ricetta della tradizione, e così via.


C'è solo una cosa che è costante nella mia cucina e a cui tengo molto: l'attenzione alla scelta delle materie prime, l'uso di prodotti stagionali e, per quanto possibile, la spesa a chilometri zero.

E' una scelta di gusto, perchè il sapore di un pomodoro appena colto o di spinaci freschissimi non ha uguali!


E' una scelta di salute, perchè i prodotti non devono affrontare lunghi viaggi, refrigerazioni, conservanti etc.etc., e arrivano sulla nostra tavola ancora ricchi di tutte le sostanze nutritive che li caratterizzano e di cui il nostro organismo ha bisogno.


E' una scelta economica, perchè in media i prodotti costano meno che al supermercato, e perchè in questo modo si partecipa alla promozione e all'arricchimento dell'economia del territorio.

E' una scelta di rispetto per l'ambiente, per la natura, per il ciclo delle stagioni.

E proprio perchè sono convinta del fatto che possiamo fare molto per il mondo in cui viviamo anche grazie alle nostre scelte in fatto di alimentazione, sono stata felice di unirmi ai foodblogger che nell'ottobre del 2012 hanno sottoscritto la Carta dei Foodblogger, nei cui principi ispiratori mi sono pienamente riconosciuta:
  1. promuovere la cultura della sostenibilità in rete;
  2. impegnarsi a pubblicare periodicamente un post sulle buone pratiche ambientali in relazione alla produzione di prodotti alimentari;
  3. diffondere la cultura della tutela e della valorizzazione del territorio agricolo;
  4. impegnarsi nella divulgazione della cultura degli orti/giardini urbani;
  5. approfondire la conoscenza degli hosting a impatto zero;
  6. impegnarsi a pubblicare periodicamente dei post sulla cultura del cibo e del riciclo;
  7. impegnarsi a pubblicare periodicamente post sulla descrizione delle pratiche della filiera corta;
  8. contribuire alla conoscenza del mondo OGM;
  9. tutela dell’ambiente attraverso la diminuzione del consumo della carne rossa;
  10. promozione della cultura dei GAS.







8 commenti:

  1. ma quante ne sa sta ragazza...approfitto per dire che i pomi del mio pomo stanno cominciando a maturare al solito tutti insieme e non riuscireno anche quest'anno a stare in pari...quindi se vuoi venire a coglierli per confetture a altro benvenuta!

    Ile

    RispondiElimina
  2. tu sei avanti tesoro....a me maca ancora un pò per raggiungerti.
    Però per fortuna uso molti prodotti dell'orto dei miei :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora tu sei più avanti di me! :)

      Elimina
  3. Ecco, dopo averti letta aspetto ancora di più la tua storia Roberta. Brava, condivido tutto quello che scrivi e le scelte che adotti.
    Ti abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, siamo sulla stessa lunghezza d'onda! :)
      Un bacio Sabi!!

      Elimina
  4. Non c'è cosa che rispecchi la mia filosofia alimentare meglio di questo elenco di punti fondamentali... approvo al 100%!!!
    baci
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, mi fa piacere che siamo in tanti a pensarla così :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...