lunedì, ottobre 29, 2012

Cuciniamo con gli scarti? Tortini gratinati con zucca e foglie di cavolo

In casa da noi non avanza mai niente.

Sarà che con il tempo ho imparato a dosare bene le quantità in modo da non avere avanzi, sarà anche un po' che io e Andrea siamo due di quelli che non sopportano fisicamente di lasciare qualcosa nel piatto, come se avessimo fatto la fame e visto la guerra, fatto sta che è davvero difficile far avanzare qualcosa. 

Però ci sono gli scarti.....non è che abbia voglia di mettermi a cucinare bucce a tutti i costi, però negli ultimi tempi ho cominciato a riflettere un po' più seriamente sulla questione, in questo consigliata anche dalla mia fruttivendola di fiducia, e mi sono resa conto di quante cose buttavo nel pulire la verdura che invece sarebbero state buone da mangiare.
Ora, devo ammettere che quando ho provato a fare la vellutata con i baccelli dei pisellini è venuta una vera schifezza piuttosto insapore, però ci sono tanti altri ingredienti che si possono valorizzare con una buona ricetta, e non solo per risparmiare ma anche per imparare a dare al cibo il giusto valore, per rispettarlo.

Quindi dopo la zuppa con le foglie di barbabietola, buonissime e coloratissime, di cui vi parlavo l'altro giorno, oggi è la volta delle foglie di cavolfiore e di broccolo.

Io le ho private della costola centrale, durissima, e stufate in un tegame coperto con un cucchiaio di olio, uno spicchio di aglio, un po' di sale e 2 bicchieri di vino bianco secco, lasciandole cuocere per una mezz'oretta buona.
Con gli scarti di un cavolfiore e di un broccolo ho quindi preparato 6 tortini gratinati, che ora vi descrivo meglio, e un'ottima zuppa il giorno dopo....se vi pare poco!

Tempo di preparazione:
25 minuti + mezz'ora circa
se dovete cuocere prima le foglie

Ingredienti per 6 tortini:
foglie di cavolfiore o broccolo
una fetta di zucca gialla
uno scalogno
3 fettine di prosciutto cotto
3 fette di formaggio (io ho 
usato un pecorino maremmano poco
stagionato)
Parmigiano reggiano
olio extravergine di oliva
sale q.b.
un po' di pane grattato

Saltare i dadini di zucca in una padella con un filo d'olio e lo scalogno affettato sottilmente. 
Preparare le foglie dei broccoli o dei cavoli (o entrambi) come sopra descritto.
Ungere gli stampini e far aderire sul fondo e sulle pareti il pane grattugiato (facoltativo).
Predisporre gli strati: prima la zucca, poi il prosciutto cotto, poi il formaggio, infine le foglie.
Spolverare con un poco di Parmigiano grattugiato e passare in forno caldo, a 220°, per circa 10 minuti.
Lasciare intiepidire un po' poi sformare sui piattini e servire.




46 commenti:

  1. un unico commento: giovedì si avvicina! :) alè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indicazioni particolari sul menù, a parte niente pesce? ;)

      Elimina
    2. no fish no cinnamon no gorgonzola no smoked food

      tutto il resto ME PIACE! ♥

      Elimina
    3. Accidenti e io che volevo fare un tortino gamberi, cannella, speck e gorgonzola....e ora?!? Scherzo! :)

      Elimina
  2. Ma dai che bella ricetta, a volte basterebbe recuperare le ricette delle nonne per capire come davvero in cucina non si deve buttare nulla! Tu sei stata bravissima a seguire la consulenza del fruttivendolo.
    Ciao
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, hai ragione, a volte basterebbe un po' più di attenzione alle tradizioni per ricordarci che possiamo mangiare saporito, sano e senza sprechi eccessivi....sono del parere che dobbiamo rieducarci un po' in questo senso! :)
      Un bacio grande!

      Elimina
  3. Ma che delizia *-*
    Tocchi un tasto dolente.. mia madre non ha proprio le misure, cucina troppo e molto spesso butta :( non lo sopporto proprio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, dille di invitare me e Andrea a pranzo, vedrai che le ripuliamo tutto! ;)
      Baci!!

      Elimina
  4. Credo che sia geniale un'idea del genere e.. si, anche con 'gli scarti' si riesce a fare qualcosa di squisito. Ciò dimostra che proprio scarti non sono.. e che quello che buttiamo spesso è tutto sprecato! Complimenti, amica mia.. sei veramente stata brava e mi piace molto lo spirito con cui ti metti ai fornelli! Ti abbraccio con affetto e calore.. proprio tanto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, sono proprio contenta che questo approccio ti sia piaciuto.....sai, d'estate effettivamente si scarta poco o niente dalle verdure ma d'inverno mi piange il cuore a buttare via tutta quella roba!!
      Ti abbraccio forte forte scricciolino mio! :)

      Elimina
  5. Nun se butta via gnienteee! :D Brava Robi! :*

    RispondiElimina
  6. Io adoro queste ricettine ricicla-scarti. Peccato che quando mi rimangono degli scarti non ho mai la voglia di mettermi a cercare come utilizzarli e quindi, immancabilmente, li butti (tranne il pane, quello finisce dritto dritto nel pancino delle mie caprette).
    Se ti piace questo genere di cucina, qui (http://cucinaeco.wordpress.com/) trovi un sacco di ricette interessanti. Io, immancabilmente, quando ne vedo una non ho gli scarti. Quando li ho me ne dimentico! Che ci vuoi fare, vivo tra le nuvole in un mondo di fatine (oppure, più semplicemente, é l'età che avanza)! Bacini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Opto per il mondo di fatine visto che sei una cucciolotta, almeno in confronto a me!! Vado subito a vedere il blog che mi dici ma, se mi permetti, ti dò un consiglio.....sbriglia la fantasia a fai dei tuoi scarti quello che ti viene in mente...io sono sicura che con l'aiuto delle tue fatine verrà sempre fuori qualcosa di buono e anzi, con in più il gusto di aver fatto qualcosa di diverso dal solito! Baci :)

      Elimina
    2. Il mio problema sono i completi vuoti di memoria che mi vengono quando ho a disposizione gli ingredienti... ho sempre mille idee quando non ho niente in frigo e poi una strana forza malefica fa si che la mia testa si svuoti nel preciso momenti in cui: 1) ho molti ingredienti a disposizione e 2) avrei il tempo per cucinare qualcosa.

      Elimina
    3. ahahahahah, a volte capita anche a me! Però è per questo che ti dico di inventare, non seguire le ricette, inventatele con quello che hai in frigo o in dispensa, vedrai che l'istinto gastronomico ti guiderà :) Baci tesoro

      Elimina
  7. ahah la vellutata di baccelli ancora popola i miei incubi peggiori.Questa ricetta però mi piace e la provo.da figlia di contadini odio gli sprechi e non perchè il periodo che stiamo vivendo non è più quello della "Milano da bere" degli anni Ottanta.Perchè mi piace come filosofia di vita,come rispetto...
    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, vero, mai faticato tanto per un piatto così insipido ma vabbè, almeno posso dire di averci provato! :)
      Grazie Monica, sono contenta che condividi il mio punto di vista! Un abbraccio grande :)

      Elimina
  8. Concordo..non si butta niente..io per fortuna non butto davvero quasi nulla...cerco di trovare ricette per utilizzare il più possibile..e se le bimbe avanzano qls nel piatto, se non è pasticciato ci pensiamo io o il papy..se troppo pasticciato..ci pensa Eliot (cagnone) che ha le sue crocchette ma quando può apprezza anche altro... ;-)
    Baci carissima, questa ricettina è ottima!
    Roberta
    n.b. che belli i piatti a righine, mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi ragazzi, e bravo Eliot.....i miei gatti gli avanzini di verdura non li amano, ma con quelli di carne e pesce vanno a nozze!! :)
      I piatti? Comprati in un mega "tutto a un euro" o giù di lì, però è vero, ci erano piaciuti un sacco! :)
      Baci Roby

      Elimina
  9. con gli scarti hai presentato un piatto eccezionale davvero..complimenti davvero una buonissima idea!!Ciao cara e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dory Mary, mi fa tanto piacere che tu abbia apprezzato l'idea!
      Un bacio e a presto

      Elimina
  10. Meno male che ci vengono queste idee fantastiche per riciclare!!

    RispondiElimina
  11. Ciao stella mia. Io sono cresciuta in una famiglia in cui non si buttava MAI nulla. Mia madre perfino gli scarti (molto minimal) li riutilizza dandoli alle galline ecc ecc. E' per questo che sono diventata un'adulta che impallidisce a veder buttare la carne nella pattumiera. Si si, hai capito, ho visto perfino questo. E sono diventata l'adulta che diventa viola quando la mia coinquilina butta un avanzo perché poi le scoccia "rimangiarlo", perché non sia mai mangiare la stessa cosa consecutivamente. Io non ho fatto la guerra, ma l'ha fatta mia Nonna, che oggi non ho più, ma che mi raccontava la fame, quella vera. E anche le mie zie più vecchiotte, mi raccontano di quando da piccole erano costrette a dividersi il pane.
    Tutto questo per dire che amo le tue parole. E anche io non lascio mai nulla nel piatto.
    Tanti bacini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto mi fa piacere Michi, la memoria storica passa anche da noi, credo sia importante tramandarla, magari anche con dei tortini, no?!? Ti bacio :)

      Elimina
  12. Grazie dei consigli Roberta,sono davvero utili,per chi come te,non ama buttare il cibo e tante volte,gli "scarti",invece, possono essere un cibo sano e genuino,come i tuoi tortini!Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Damiana! Mi fa piacere che i miei spunti possano essere utili! :)

      Elimina
  13. Eh si basterebbe poco davvero,sei stata brava! io da sempre sono convinta(ed oggi giorno con la crisi spaventosa che stiamo vivendo lo sono ancor di più)che le tradizioni non sono mai fini a se stesse ma al contrario hanno un forte fondamento.alla prossima da Zagara & Cedro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche io la penso come te, non è un caso se vengono ogni giorno riscoperte e valorizzate. Non credo sia solo una questione di risparmiare ma anche che le tradizioni, in un mondo in cui sono davvero poche le certezze, offrono una sorta di riparo emotivo, un retroterra saldo e confortevole in cui trovare rifugio.
      A presto Ketty :)

      Elimina
  14. con il blog si imparano parecchie cose e si guarda al cibo con più consapevolezza, anch'io faccio molti meno scarti, vedo che tu ottimizzi tutto molto bene ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, diciamo che ci provo....comunque è vero, io ho sempre avuto un buon rapporto con gli ingredienti ma ultimamente ho un approccio ancor più consapevole.
      Un bacio cara, buona giornata!

      Elimina
  15. Sei geniale rOby! Hai creato una vera prelibatezza con questi ingredienti. A casa mia altro che scarti... E' un continuo spreco.
    Vorrò imparare da te cara:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo carina Vaty, però spero davvero di essere utile con questo post. Un abbraccio immenso :)

      Elimina
  16. Mi piace questo genere di cucina!! Se non ricordo male sul canale del gambero rosso c'è un programma dove una ragazza prepara cose spettacolari con bucce ed altre cose che di solito, noi comuni mortali, cestiniamo!
    Mi piace il tuo blog e mi fermo per seguirti ;-)!
    A presto!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si Elisa, non l'ho mai vista ma credo si tratti di Lisca, la blogger di http://cucinaeco.wordpress.com/, ma lei è una professionista! Io cerco solo di preparare la cena :)
      Grazie mille per esserti fermata, a presto :)

      Elimina
  17. La ricetta con gli scarti mi piace veramente tanto. Nel 2003 ho scritto un libro in merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Mi piacerebbe leggerlo, mi dai il titolo? :)

      Elimina
    2. Il Gourmet degli Avanzi che è stato rieditato con il titolo 500 ricette per il giorno dopo. La casa editrice è il Touring e il mio coautore Allan Bay.

      Elimina
    3. Grazie fabiano, me lo vado subito a cercare!

      Elimina
  18. è bene non buttare nulla, hai preparato una magnifica ricetta! un bacione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Chiara! Un bacio :)

      Elimina
  19. Io sono un po' troppo ossessionata dal cercare di non sprecare. Lo trovo davvero un brutto gesto a scapito di chi purtroppo non ne ha abbastanza. Davvero lodevole il fatto di non buttare niente cara e deliziosa la tua ricetta. Bravissima :-) Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dai, meglio ossessionata che noncurante, no?!?
      Grazie, sono contenta ti piaccia! Un bacio :)

      Elimina
  20. What a wonderful use of leftovers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Tessa, I try to find a a way not to waste too much ingredients :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...