venerdì, ottobre 12, 2012

Oggi sono tornata buona (e vi propongo pappardelle all'ortica con porcini e borlotti)

Eccomi, rasserenata come il cielo che mi sovrasta dopo una notte di pioggia, stamani sprizzo pura poesia, benevolenza e joie de vivre da tutti i pori...vabbè, certo son stramba eh?!?

La ricetta di oggi, tanto per cambiare, è nata per un contest, anzi per due....si, lo so, rischio di diventare monotona ma che ci posso fare se ne stanno uscendo tanti, tutti a loro modo  interessanti e stimolanti??

Queste pappardelle riuniscono due temi di stagione, i funghi, prezioso e saporito dono del bosco, protagonisti del contest di Semplicemente Buono in collaborazione con I Piaceri del Gusto, ed il marrone, colore dell'autunno, caldo e confortevole come la terra, protagonista del contest di My Taste For Food.

Sono comunque semplici da preparare, non richiedono troppo tempo e sono un meritatissimo premio dopo una giornata uggiosa e noiosa. 
Portano con sè il sapore lievemente erboso dell'ortica, il profumo di sottobosco dei funghi e gli umili ma preziosi fagioli, che non so a voi ma a me danno sempre l'idea di focolare domestico, di sapore antico, di pace con il mondo.......

Tempo di preparazione:
30 minuti

Ingredienti per 2 persone:
180 gr. di pappardelle all'ortica
200 gr, circa di funghi porcini freschi
100 gr di borlotti cotti
uno spicchio di aglio
un peperoncino
1/2 cucchiaino circa di mentuccia/nepitella
1/2 cucchiano circa di maggiorana
un cucchiaio di passata di pomodoro
sale q.b.
olio extravergine di oliva
parmigiano reggiano

Portare ad ebollizione l'acqua per le pappardelle.
In una ampia padella far soffriggere con circa un cucchiaio di olio lo spicchio di aglio, il peperoncino, la maggiorana e la mentuccia. 
Intanto spazzolare accuratamente i porcini con un pennello e passarli delicatamente con una pezzetta bagnata, per portare via i residui di terra, e tagliarli a fette sottili.
Unire i funghi al soffritto, lasciar colorire a fiamma vivace per due o tre minuti, quindi aggiungere i fagioli scolati dall'acqua di conservazione e il pomodoro. Salare e lasciar cuocere il sugo per circa 10-15 minuti, allungandolo se occorre con un pochino di acqua calda.
Quando le pappardelle saranno cotte al dente, scolarle lasciando da parte un po' di acqua di cottura e saltarle velocemente nel sugo ai funghi, avendo cura di non farle asciugare troppo.
Servire con un filo di olio a crudo e parmigiano reggiano.

P.S. mi sarebbe tanto piaciuto fare le fettuccine per conto mio ma non è più stagione di ortica fresca, e a dire il vero in questo periodo non avrei nemmeno troppo tempo. Chissà, magari la prossima primavera!
Per quanto riguarda i borlotti, stavolta ho usato quelli in scatola ma nessuno vi vieta, se avete tempo e modo, di utilizzare quelli secchi, anzi, verranno sicuramente meglio!





42 commenti:

  1. Tu sei un mito... come riesci a concepire ricette che soddisfino i requisiti di tutti questi contest e farle pure buonissime lo sai solo tu :)
    Comunque oggi é venerdì, sarà per questo che l'umore di mezza popolazione é più felice?! Mhà, lascio agli scienziati il compito di farci uno studio. Baci e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai Elle, azzardavo un'interpretazione simile alla tua....l'idea che tra un'oretta sarò libera padrona del mio tempo sicuramente ha il suo peso! :)
      Grazie davvero, ti abbraccio forte e ....porta i miei grattini ad Asia e Kahlua!!

      Elimina
  2. Carissima! :) Allora se il risultato è questo, spero che tu sia buona anche domani ahah! Stupendi.. proprio profumati di casa e di calore! Auguroni per il contest. Concordo con Elle! Hai davvero un talento nel trovare ricette proprio gustose ed adeguate! :) Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, io non lo so, è che mi metto lì, apro frigo e dispensa, penso a cosa mi va davvero, a cosa potrebbe farmi sentire bene, e vado....la verità è che sono solo una golosa epicurea, e te sei dolcissima! Un bacio grande, e buon we! :)

      Elimina
  3. SBAV!
    può andare come commento? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, grazie Berry, davvero molto eloquente!!! :)

      Elimina
  4. Bellisismo piatto! Grazie mille per aver partecipato!Ricetta aggiunta nella lista.
    A presto.
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per l'ospitalità :)

      Elimina
  5. Questa ricetta va a finire dritta dritta nel mio "quadernino delle ricette" e sarà l'occasione buona per fare le pappardelle alle ortiche (io AMO fare la pasta in casa!).
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace tanto, ma ultimamente non ho proprio tempo! :(
      Baci Dani!

      Elimina
  6. Gnam Gnam Gnam!
    Che fameee!!!
    Sono contenta che sia tornato il buonumore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, si, è tornato il sole! :)

      Elimina
  7. Bone!!! non ho mai mangiato niente all'ortica!!!
    E brava la mia ciccina!! :-)))

    RispondiElimina
  8. Buone!! io non avrei pensato all'abbinamento funghi-borlotti per un piatto asciutto, sarei approdata senza dubbio su una zuppa o una minestra. Con la pasta e i sapori che hai utilizzato deve essere piacevolissimo!
    Grazie mille!!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Vale, incrocio le dita! :)

      Elimina
  9. che buone,io non le ho mai fatte,devo rimediare!Grazie per la ricetta e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dory Mary, un abbraccio e buon fine settimana anche a te!

      Elimina
  10. Bravissima!!me le segno ben contenta che il tuo umore sia migliorato e posso dirti una cosa?Viva i contest,ma non per la vittoria,ma per tutte le nuove conoscenze che si fanno attraverso lo scambio delle ricette.Io adoro farli proprio per questo!!!
    Un bacione
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, infatti, sono una fonte continua di energie e di incontri!! Anzi, sappi che presto avrò una ricetta anche per te!
      Baci Monica, buon we!

      Elimina
  11. un piatto unico nutriente e saporitissimo, mi piace molto! Buon weekend...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Chiara, buon week end anche a te!!! :)

      Elimina
  12. Che epilogo finale delicato che ci hai messo. A me i fagioli non piacciono molto ma io mi faccio trasportare molto dalle parole e quando parli di focolare mi si e' aperto il cuore ^_^
    Ottimo piatto Roby!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vaty, mi fa piacere che sono riuscita a comunicarti un senso di benessere, io il focolare lo adoro e mi manca tanto in questa casa, ma poi mi consolo pensando che in fondo, mangiare insieme, condividere un pasto, parlare di emozioni....scalda come un fuoco vero!
      Ti abbraccio, buon we!!

      Elimina
  13. Wow! I've never cooked with nettle before so I have no idea what nettle pappardelle tastes like. If I ever see it here in Oregon, I will buy it and try it! Your pasta looks and sounds so delicious!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Tessa, anyhow if you will find some nettle next spring, I will send you the recipe so you can try to prepare the pasta at home!
      Hugs :)

      Elimina
  14. sisssi, pace col mondo, un piatto come questo ti rasserena gli occhi (ee lo stomaco!! ahahahH!)
    Grazie, molto bello e particolare!

    RispondiElimina
  15. che bell'aspetto queste pappardelle. Mi sa che questo è uno di quei piatti che ti danno una gran soddisfazione mentre li mangi.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, è stato un piacere spazzolarli! :)
      Baci Crì :)

      Elimina
  16. Alessandro Capitan Maremmaottobre 14, 2012

    Cara Roberta, ho letto la tua ricetta delle tagliatelle all'ortica con funghi e borlotti e non condivido la tua ricetta né sul piano dell'accostamento né su quello di una filosofia materiale della stagionalità e della territorialità da te proclamata.Cosa ci fanno i borlotti, oltretutto sbarattolati, con la nostra tradizione toscana? Il borlotto,per le sue caratteristiche,è un legume normalmente utilizzato per cotture prolungate e possiede un sapore dominante che lo rende idoneo a preparazioni dove è spesso protagonista unico.Lascia il fagiolo padano alle zuppe e minestre lombardo venete e utilizza il classico cannellino o,meglio, il fagiolo di Sorana o lo zolfino del Pratomagno più delicati e quindi più correttamente in armonia con i profumi meravigliosi dei funghi porcini.Se poi,correttamente , vuoi seguire le stagioni del mercato ortofrutticolo verace non puoi utilizzare pasta industriale all'ortica(erba fuori stagione) ma , eventualmente, tagliatelle normali o ,trovare comunque il tempo e la voglia ,di tirare un po' di sfoglia a mano con impasto di spinaci freschi.Un piatto cosi' prezioso sia sotto il profilo del gusto che sotto quello più prosaicamente economico non può e non deve essere diminuito con abbinamenti avventuristici e di basso rango.Un'ultima osservazione "a latere" ,per dirti che non concordo neppure sulle tue entusiastiche affermazioni sui mercatini di "campagna amica" promossi da Coldiretti dove mi sono spesso imbattuto in prodotti di infimo livello soprattutto in ambito caseario ed in quello della norcineria.Un plauso comunque alla tua spigliatezza ed alla tua passione. Alessandro"Capitan Maremma"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Alessandro, raccolgo volentieri le tue rimostranze perchè sono convinta che le critiche, se costruttive, possano essere un valido aiuto a crescere e migliorarsi.
      Tuttavia, permettimi un paio di osservazioni. Partiamo dal borlotto: assodato che oggi come oggi la sua coltivazione è ampiamente diffusa ovunque, mi permetto di segnalarti l'esistenza di un fagiolo borlotto di Maremma (http://germoplasma.arsia.toscana.it/pn_prodtrad/modules/MESI_Menu/Prodotto.php?ID=66) che evidentemente sfugge alla tua seppur enciclopedica conoscenza. Senza contare che l'accostamento borlotto-porcino mi è stato insegnato da massaie maremmane che lo usano nella preparazione di una tradizionalissima zuppa di funghi.
      Per quanto riguarda l'uso del fagiolo inscatolato e la stagionalità dell'ortica, se avessi avuto tempo di leggere tutto il post avresti trovato l'ovvia specifica che il prodotto fresco è migliore e che l'ortica non è certo di stagione.
      Concludo ribadendo la mia assoluta preferenza per prodotti freschi e a chilometri zero, ma credo che a volte qualche deroga non uccida davvero nessuno!
      Ciao, alla prossima!

      Elimina
    2. alessandro capitan maremmaottobre 15, 2012

      Cara roberta,sapevo ovviamente dell'esistenza della produzione di borlotti,non solo in Maremma ma in tutto il territorio nazionale,ma cio' non toglie che il suo uso in accostamento con i porcini,sia del tutto improprio finendo per svilire la preziosità del boleto e contestualmente violentando la tradizione intelligente ed il gusto.La massaia maremmana,se realmente tale,ha sempre utilizzato, in abbinamento al fagiolo(sempre rigorosamente cannellino)altri tipi di fungo di molto piu' modesto rango quali paonazzi o lardaioli,leccini,lattari,giallarelli e via dicendo con ciò conciliando economicità,praticità e sapore.Concludo ribadendo la mia simpatia per il tuo blog ma invitandoti sinceramente a proseguire nella tua passione con disciplina ed applicazione senza il facile abbandono a sprovvedute tifoserie acclamanti od a commerciali e seduttive sirene.Il mio contributo,ancorchè scambiato per saccenza,è il frutto di una fatica, di uno studio e di un'esperienza che ho costantemente alimentato,per pura passione,da tanti anni.Alla prossima.

      Elimina
    3. Caro Alessandro, ribadisco il mio piacere ad accogliere il tuo contributo che trovo anzi costruttivo, e non voglio certo darti del saccente.
      Tuttavia questo piccolo blog è nato non come vetrina per "eccelse eccellenze", quanto come piccolo spazio di condivisione di quotidiane esperienze culinarie che possa invogliare le persone "medie" come me, con una vita "media" come la mia, ad accostarsi al cibo in modo un po' più appassionato e consapevole.
      In altre parole questo blog non può e non vuole essere altro che un invito a riflettere sul fatto che prepararsi un pasto adeguato, con ingredienti normali ma più possibilmente freschi, è un modo di prendersi cura di sè, e non è poi così complicato...tutto qui!

      Elimina
  17. un commento dopo quello precedente sarebbe meglio lo facesse un cuoco esperto per controbattere. Comunque il tuo piatto mi sembra un trionfo autunnale, un piatto che scalda, che sazia... Le fettuccine già pronte sono spesso comode e sfiziose e trovo che quel tocco di verde sia una nota piacevole ! Rigore e tradizione spesso non vanno d'accordo con inventiva e fantasia...un abbraccione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo con te Rossella, anche perchè non so te ma io non faccio la massaia di lavoro anzi, spesso sono fuori casa tutto il giorno....magari potessi permettermi di tirarla la sfoglia! :)
      Un abbraccio grande e grazie.

      Elimina
  18. mi piace molto quell'abbinamento porcini e borlotti e pasta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carmine, se lo provi fammi sapere! :)

      Elimina
  19. Pappardelle all'ortica e porcini freschi ricetta raffinata e saporita al tempo stesso. Cosa chiedere di più....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiano, sono contenta ti piaccia l'idea!
      A presto!

      Elimina
  20. Un piatto autunnale e confortante !! Non solo bellissimo ma credo anche buonissimo !! Ottima idea !!

    Se ti va di passare a trovarci ne saremo felici!! E unisciti ai lettori fissi !
    Baci !!

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, passo sicuramente, avete un nome bellissimo!!! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...